Auguri

A te, amica cara, che sei stata catapultata in un nuovo palcoscenico

A te, che ti trovi a camminare in scena col buio attorno e non sai quando si accenderanno i riflettori

Non so come sara’ il tuo, il nostro, 2015, ma io saro’ con te…e non ti troverai da sola su questo palcoscenico che nessuno ha voluto. So che non hai l’indole da ballerina, ma questa pagina e’ un invito a danzare e a succhiare il midollo della vita che ci viene ancora una volta regalata.

71452_10201219778327294_1834958641_n

I fili che avete aggiunto alla mia “trama”

Si e’ conclusa l’esperienza della “trama” allestita presso l’Ospedale Civile di Montecchio Maggiore (VI).

Trascrivo alcuni commenti che mi sono stati donati.

“Punti di vista diversi, puo’ essere educativo e toccante per chi non l’ha vissuta, ma questa cruda realta’ e’ molto personale  e non a tutti piace metterla in mostra. E’ un impatto inibitorio per chi deve iniziare, fa paura prima del previsto”

“Cara Noemi, grazie per questa mostra che e’ uno dei piu’ begli inni alla vita che si possano concepire. Di fronte a questo resto ammirato e commosso. E grato. Insieme alle preghiere dei tuoi amici, che sono preghiere di lode e di ringraziamento, ci sono anche le mie. Con affetto”

“Il coraggio, la speranza, la consapevolezza della bellezza interiore, l’amore per la vita! Ecco il messaggio che irrompe nel cuore! Grazie”

“La mostra non mi e’ piaciuta per niente, non mi piace questa spettacolarizzazione”

“La mostra e’ bellissima. Tu lo sei cento volte di piu'”

“Cara Noemi, commossa ho ammirato le tue foto; la tua forza mi serve come esempio per non demoralizzarmi. In te rivedo me stessa a quasi un anno dall’intervento di mastectomia, rivivo la solitudine, il dolore ma anche la volonta’ di rimettermi in piedi, di continuare a lavorare, di vivere con una sensibilita’ diversa… non sono piu’ un bulldozer, sono una donna molto sensibile, non lo sapevo prima di tutto cio’. Nei tuoi scatti fotografici rivedo i miei, allora, penso, sono nella giusta direzione. Grazie Noemi per aver avuto il coraggio di raccontare agli altri il tuo percorso”