angelico seno

Chiare, fresche et dolci acque, 
ove le belle membra 
pose colei che sola a me par donna; 
gentil ramo ove piacque 
(con sospir mi rimembra) 
a lei di fare al bel fianco colonna; 
erba e fior che la gonna 
leggiadra ricoverse 
co l'angelico seno; 
aere sacro, sereno, 
ove Amor co' begli occhi il cor m'aperse: 
date udienza insieme 
a le dolenti mie parole estreme.

(da "Chiare, fresche et dolci acque" del sublime Petrarca)
Annunci

DISGUST-OTTOBRE

Stamattina a ricordarmi che e’ cambiato mese non e’ stato l’incupirsi dell’aria ma il rosa brillante apparso nei social media. Gia’, siamo nel Mese Rosa, quello in cui tutte le attiviste cercano di trarre il meglio dalla cattiva sorte toccata a molte probabilmente per ricavare un senso anche per se stesse – almeno per me funziona cosi.

Quest’anno a far da padrona e ad attirare l’ira funesta di molte di noi e’ la campagna della LILT. Premetto che questa associazione ha appoggiato, a livello locale, la mia http://www.tucancroiodonna.it/ nel 2012, quindi ne riconosco il merito nelle persone che ho direttamente conosciuto; tuttavia gli slogan coniati a livello nazionale sono, a mio avviso, veramente indici di scarsa sensibilita’. Vediamo i capi d’imputazione:

a. il testimonial scelto: Anna Tatangelo, che, fortunatamente per lei, non appartiene al club delle cancer survivors;

b. lo slogan scelto: #fatelevedere, che di ironico non ha proprio niente, anche perche’ ricorda una precedente buffonata girata in etere.

Che altro aggiungere? Grazie alla Tatangelo se e’ stata mossa dalla buona fede, ha posato gratis ed accettera’ di farsi sostituire da testimonial piu’ credibili; grazie alla LILT se riflettera’ sul fatto che il pubblico, a cui questa campagna e’ diretta, comprende donne dalle piu’ disparate sensibilita’, ed agira’ di conseguenza.

Da parte mia vi invito, o miei quattro lettori, ad aderire all’iniziativa del link sotto postato scrivendo a pinkwashing2015@gmail.com   (bastano nome, cognome e professione)    grazie!!!

http://ferrari.blogautore.espresso.repubblica.it/2015/10/01/prevenire-non-fa-rima-con-esibire-stop-pinkwashing/