Alla ricerca del bene perduto

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/12/05/sanita-con-nuovi-orari-di-lavoro-ospedali-al-collasso-medici-e-infermieri-ci-chiamano-anche-nei-giorni-di-riposo/2271382/

L’entrata in vigore dei turni europei per il personale sanitario, nonostante persegua il bene del malato, ha scatenato gravi disagi nel Reparto di Oncologia dell’Ospedale di Vicenza, dove i pazienti si sono visti sospesi i controlli di follow up. Tale sospensione e’ stata causata anche dalla mancanza di organico (tre medici) denunciata ripetutamente dalla f.f. primario dott.ssa Marcella Gulisano a partire dal 2013.

Il governatore Zaia, interpellato in diretta telefonica, ha mandato repentinamente una commissione che ha ripristinato le visite di controllo. Ma a quale prezzo? Un medico ha rinunciato ad attivita’ di screening, gli altri all’aggiornamento; sono stati ridotti i tempi delle visite. Questione, secondo la politica del “capro espiatorio”, risolta, anzi, chi ha dovuto sospendere i controlli e’ sotto indagine disciplinare in quanto accusata di aver recato danni ai pazienti ed agito contro l’etica professionale. Questa accusa cela una contraddizione evidente: il “bene” dei malati di cancro (che distinguo dai pazienti, considerando questi ultimi come “coloro che non presentano evidenze di malattia”) NON si persegue facendoli seguire da medici non aggiornati, in quanto noi malati oncologici affidiamo la nostra vita alla cura ed alla ricerca.

Domani pomeriggio ci sara’ un “contraddittorio” in cui la dottoressa Gulisano, f.f. primario in un reparto che ne e’ privo da sei anni -nonostante un concorso di due anni or sono-, dovra’ difendere il coraggio con cui ha preso una decisione difficile e molto ardua, ma l’unica che garantisse la miglior cura possibile agli ammalati. Alle ore 14,15 piu’ di 200 medici si troveranno nell’atrio dell’ospedale per manifestare la propria solidarieta’ alla collega. Con loro ci saremo noi, gli Amici del Quinto Piano, un gruppo di pazienti, malati, amici che, dal concerto del “Quinto Piano” (oncologia) dello scorso Natale, sta attuando e programmando attivita’ a favore di coloro che usufruiscono del reparto – laboratori manuali, teatrali, programmi culturali, attivita’ sportive, progetti sull’alimentazione.

Ed e’ assurdo che, in tutte queste accuse, nessuno abbia interpellato chi veramente usufruisce del reparto e sa quali sono i fattori che pesano sulla sua qualita’. Noi il cancro ce l’abbiamo (o abbiamo avuto) e possiamo darvi lezioni a riguardo! Pertanto abbiamo deciso di interpellare il sindaco Variati, il nuovo dirigente delle ULSS 5 e 6 Pavesi e ci faremo sentire con i media. Nel frattempo abbiamo predisposto un comunicato stampa che vi invitiamo a firmare. Pronti a proseguire anche con eventuale petizione. Vogliamo un numero sufficiente di dottori, vogliamo conoscere cosa succedera’ al reparto di senologia, vogliamo un primario per il reparto di oncologia.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...