193** la mia cartella clinica

Dati odierni nella mia cartella clinica: FATTO SAGGIO DI DANZA SABATO. STUPENDO!

Ecco quello che scrive un’Oncologa con la “o” maiuscola. Quando il medico sa bene che la malattia e’ soltanto la parte di un intero piu’ grande e che e’ a questo intero che bisogna rivolgersi. 

Grazie, dottoressa, perche’ in quel raccoglitore che diventa sempre piu’ grande io non sono una serie di dati: io sono, ancora, vita.E tu danzi con me.

Annunci

Un abbraccio lungo un saggio

“Michela,  devo cambiare cura. Le pastiglie hanno cessato di fare effetto. Non so se riusciro’ a fare il saggio a fine anno”, queste le mie confidenze, alla fine di una lezione di danza, alla mia insegnante un paio di mesi fa.

“Noemi, nella coreografia ho lasciato il posto anche per un altro ruolo, piu’ semplice. Su quel palco, tu salirai comunque”, questa la sua fiduciosa risposta. E poi un lungo abbraccio.

E, sabato sera, ho danzato…

con le ossa di porcellana e la pelle fragile filo di ragnatela

con gli ematomi viola sulle ginocchia e le voragini del vuoto nella memoria 

con le vittorie delle lezioni fatte, nonostante la stanchezza

con le sconfitte delle lezioni saltate, a causa dei piedi doloranti

con la consapevolezza che, davanti al pubblico, io non ero diversa dagli altri

con tutte le persone che mi vogliono bene e che erano presenti, in sala e nel cuore

abbracciando Paola, l’altra mia insegnante, nella coreografia finale.

Michela, un lungo abbraccio… Michela, Paola, un abbraccio lungo un anno.

Grazie a Michela Negro, Paola Ferrari e Francesca Bolzon di Etra Danza. Grazie ad Angelina Morsoletto per avermi invitata, lo scorso anno, a riprendere questo meraviglioso cammino.